Formazione in sanità
  « 1  2  3  4  5  6  7  8  9  10  11  » 
 
C'è posto per tutti
 
Andrea Marchitelli, Sezione Biblioteche ed Editoria Elettronica, CILEA.
Pubblicato su Va' Pensiero n° 381
 
"Quali tecnologie del web 2.0 si adattano meglio al lavoro della biblioteca? Quelle che permettono di condividere il record catalografico e di "arricchire l'informazione attraverso la condivisione della conoscenza di ciascuno", come afferma Andrea Marchitelli del CILEA, ma anche i Feed Rss, per informare  tempestivamente l'utente e poi, i social network che "facilitano il modo in cui la biblioteca comunica se stessa fuori dalla sua fisicità".
 
 
Meglio il libro o l'e-book?
 
Fulvia Merlini, Direzione Scientifica - Biblioteca, IRCCS pediatrico Burlo Garofolo, Trieste.
Pubblicato su Va' Pensiero n° 379
 
Se tutte le risorse sono reperibili in rete, allora, chi va in biblioteca? Praticamente tutti. "Ma", spiega Fulvia Merlini, della biblioteca del Burlo Garofolo, "è cambiata la connotazione stessa della biblioteca, da luogo fisico è diventato virtuale". Tra periodici e volumi la partita la vincono i primi, ma cresce l'interesse per gli e-book.
 
 
Aggiungi un posto in rete
 
Angela Carbonaro, responsabile tecnico della Biblioteca dell'Istituto Giannina Gaslini - Ospedale pediatrico IRCSS, Genova.
Pubblicato su Va' Pensiero n° 377
 
Le risorse disponibili sono davvero tante, forse è l'ora di ottimizzarne l'uso. Come? Con la condivisione dei documenti, ne è convinta Angela Carbonaro, della biblioteca dell'Ospedale  Gaslini di Genova: "A tutti piace avere tutto, ma in realtà c'è sempre qualcosa che manca. Penso che esagerare con le risorse non sia corretto".
 
« 6  10  11  »